AGGIORNATO AL 30 APRILE 2020

1. Premessa e contesto scientifico

La conduzione di studi di epidemiologia ambientale risulta particolarmente complessa in relazione principalmente a due elementi di rilievo: numerosità delle variabili da tenere in considerazione e molteplicità delle competenze richieste; questo secondo aspetto rende indispensabile l’attivazione di collaborazioni scientifiche tra varie istituzioni e gruppi di ricerca finalizzate a condividere le diverse conoscenze e competenze specifiche in tale ambito. In relazione a ciò, sin dal 2008, il Registro Tumori della ASL Napoli 3 Sud ha attivato diverse collaborazioni con altre istituzioni scientifiche su progetti mirati:

INTRODUZIONE

Sin dal 1980 numerose aree della Regione Campania sono state oggetto di sversamenti illegali di rifiuti pericolosi e/o tossici.
Dei 59 comuni coperti dal Registro Tumori della ASL Napoli 3 sud (1.170.000 abitanti) 34 Comuni ( 621.000 abitanti) sono stati inseriti nell’area a rischio.
Obiettivo dello studio è quantificare potenziali cluster tumorali a livello comunale, sub-comunale o intercomunale e valutarne l’associazione con la presenza di discariche illegali di rifiuti con diversa classe di rischio.

Sono in corso le analisi dei dati di monitoraggio ambientale e delle nuove diagnosi di cancro per il periodo 2008/2017 su tutto il territorio di riferimento della ASL Napoli 3 sud. L'approccio epidemiologico resta quello della georeferenziazione per aree comunali e sub-comunali